Cyberwar, bisogna arrivare in Montenegro per sentirne parlare

The Never Ending Quackery

Cyberwar, bisogna arrivare in Montenegro per sentirne parlare

(da ilfattoquotidiano.it)

“abbiamo mai provato a chiederci cosa succederebbe se all’improvviso collassasse il microprocessore che fa pulsare bit e byte nei diversi dispositivi informatici di uso quotidiano? … quali trappole si possano celare all’interno di un apparentemente innocuo “chip”? … quali avvisaglie o sintomi informino di una potenziale catastrofe imminente? … Cosa capita se i tablet e gli smartphone più diffusi si vanno a bloccare tutti di colpo? … un presunto allarme finanziario può far più danni di un ordigno ed è in grado di scombussolare gli equilibri di una nazione … cosa accade se l’attacco è studiato a tavolino per innescare un terrificante “effetto domino”? … possono costituire il miglior alleato di chi voglia assumere il controllo del lato digitale del mondo intero”

collassasse il microprocessore next, con venti anni di tecnologia in linea, cinquanta tipi di sistemi operativi, l’ unica…

View original post 417 more words

Advertisements
By emoztar

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s